• QIOGA - Yoga e Shiatsu

Rock & Yoga - Woodstock!

Come può lo Yoga, una cultura millenaria basata sull'unione corpo - mente, essere così legata alla cultura Rock di fine anni '60?

Sicuramente, uno degli eventi più conosciuti della storia della musica occidentale è il Festival di Woodstock. Questo Festival si svolse a Bethel, una piccola città rurale nello stato di New York, dal 15 al 18 agosto del 1969 e venne definito proprio come un "tre giorni di pace e musica rock" al quale assisterono circa un milione di giovani da tutto il mondo. Tutti uniti nell'idea della pace e della condivisione più totale, condivisione condita da un ottimo Rock psichedelico :)

Questa idea di pace e partecipazione fu approfondita da un Guru Yoga che parlò proprio all'apertura del Festival e che rese chiara l'idea ed il peso che lo Yoga e la cultura Yogica danno alla musica: Swami Satchidananda, il fondatore dello Yoga Integrale.

In questo post, vorrei riportarvi le sue parole che ho tradotto in italiano ed un piccolo video che lo ritrae a Woodstock e farvi sentire la forza delle sue parole e del suo messaggio.

Buona lettura e buon ascolto!


Miei amati sorelle e fratelli, sono travolto dalla gioia nel vedere l'intera gioventù americana riunita qui in nome dell'arte della musica. Infatti, attraverso la musica, possiamo fare miracoli. La musica è un suono celeste ed è il suono che controlla l'intero universo, non solo le vibrazioni atomiche. L'energia sonora, la potenza sonora, è molto, molto più grande di qualsiasi altra potenza in questo mondo. E una cosa che vorrei tanto che tutti voi ricordaste è che con il suono possiamo creare, e allo stesso tempo, distruggere. Anche sul campo di battaglia, per creare un mostro, si usa il suono. Senza quel suono di guerra, quel suono fantastico, l'uomo non diventerà mai un animale in grado di uccidere i suoi stessi fratelli. Questo dimostra che si può tanto distruggere con il suono, quanto si può anche creare. Quindi sono molto felice di vedere che siamo tutti qui riuniti per creare dei suoni, per trovare quella pace e quella gioia attraverso la musica celeste. E sono davvero molto onorato di aver avuto questa opportunità di aprire questo grande, grande Festival della musica. Sarei dovuto venire un po' prima per fare questo lavoro, ma, come tutti voi sapete, migliaia di fratelli e sorelle sono in viaggio e non è così facile da raggiungere questo luogo. L'America guida il mondo intero in diversi modi. Molto recentemente, quando ero in Oriente, il nipote del Mahatma Gandhi mi ha incontrato e mi ha chiesto cosa sta succedendo in America e io ho risposto: "L'America sta diventando un tutt'uno. L'America sta aiutando tutti nel campo materiale, ma è giunto il momento che l'America aiuti il mondo intero anche con la spiritualità". Ed è per questo che, in lungo e in largo, vediamo persone - migliaia di persone, con una mentalità da yoga, con una mentalità spirituale. Per tutto il mese scorso sono stato alle Hawaii e sono stato sulla costa occidentale e ne sono stato di nuovo testimone. Quindi, lasciamo che tutte le nostre azioni, e tutte le nostre arti, esprimano lo yoga. Attraverso quell'arte sacra della musica, troviamo la pace che pervaderà tutto il mondo. Spesso sentiamo gruppi di persone gridare: "Lotta per la pace". Ancora non capisco come faranno a combattere e poi a trovare la pace. Quindi, non lottiamo per la pace, ma cerchiamo prima la pace dentro di noi. E il futuro del mondo intero è nelle vostre mani. Potete creare o distruggere. Ma voi siete davvero qui per creare il mondo e non per spezzarlo. Io lo vedo. Qui c'è una forza lavoro dinamica. I cuori si stanno incontrando. Proprio ieri ero a Princeton, a Stony Brook, in un monastero dove si sono incontrati circa duecento o trecento monaci e monache cattoliche che mi hanno chiesto di parlare con loro sotto il titolo "Oriente e Occidente: un cuore solo". Qui mi chiedo davvero se sono in Oriente o in Occidente. Se queste immagini o i film saranno proiettati in India, non crederanno mai che siano stati girati in America. Qui, infatti, l'Oriente è entrato in Occidente. E con tutto il cuore, auguro un grande, grande successo a questo Festival musicale per aprire la strada a molti altri festival in molte altre parti di questo paese. Ma l'intero successo è nelle vostre mani, non nelle mani di pochi organizzatori. Naturalmente, si sono fatti avanti per fare un po' di lavoro. Li ho incontrati. Li ammiro. Ma, comunque, è nelle vostre mani, il successo è nelle vostre mani. Il mondo intero starà a guardare. Il mondo intero saprà che quello che i giovani americani possono fare all'umanità. Quindi, ognuno di voi dovrebbe essere responsabile del successo di questo Festival. E, prima di concludere il mio discorso, vorrei che tutti voi vi uniste a me e al nostro gruppo nel ripetere un canto molto semplice. Mentre vi ricordavo la potenza sonora, ci sono certi suoni mistici che la terminologia sanscrita dice che sono i Bijakshara, o "parole che germinano". Useremo tre parole di seme, o parole mistiche, per formulare i canti. E se tutti voi vi unirete con tutto il cuore, dopo il canto avremo almeno un minuto intero di silenzio assoluto. Nemmeno le telecamere scatteranno in quel momento. E in quel periodo di silenzio, in quel minuto di silenzio, sentirete la grande, grande potenza di quel suono e la meravigliosa pace che può portare in voi e nel mondo intero. Facciamone ora un assaggio. Le parole saranno: "Hari" è una parola sola. "OM" è un'altra parola. Il primo canto avrà queste due parole: "Hari OM Hari OM, Hari Hari Hari OM". La seconda riga sarà "Hari OM, Hari OM, Hari Hari OM". Dopo ci sarà un altro canto: una sola parola, "Ram". Lo ripeteremo: "Rama Rama Rama Rama Rama Rama Rama Rama Rama Ram". E' un campione. E' molto facile da seguire con tutti e ci sarà anche un dolce applauso. Quindi, ora inizieremo con un ritmo lento e lo costruiremo gradualmente. Ora chiederò a tutti i miei amici di unirsi a me. Ripeteremo la battuta una volta, poi vi permetteremo di seguirla. (L'intero festival ha poi cantato insieme il canto "Hari Om"). Grazie mille a tutti voi. E ancora una volta permettetemi di esprimere il mio sincero augurio e le mie preghiere per il successo e la pace di questa celebrazione.


212 visualizzazioni

©2020 di QIOGA - Yoga e Shiatsu. All rights reserved.